Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘boicottaggi’ Category

Insomma, io lo yogurt Actimel non l’ho proprio mai comprato, nemmeno una volta in vita mia. Per cui questo boicottaggio è ancora più inutile dei precedenti. Però i “creativi” della Actimel (che poi è Danone, una multinazionale coi fiocchi) se lo meritano comunque. Per la stupidità loro e per quella che attribuiscono a noi, obiettivamente, nel momento in cui decidono di investirci con le loro teorie sullo “stress”.

Innanzitutto notate lo stupore del più debole dei due protagonisti maschi, quando ripete interrogativamente la parola «Stress…?», come se si trattasse di una conversazione dotta sull’ecdotica o sull’ uso dell’epanalessi. «Lo stress? E che cosa sarà mai? Un gioco da tavolo?»                (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Questa è troppo facile, lo so anch’io. Ma è comunque un altro boicottaggio necessario, per quanto personalissimo, perché la nefandezza dello spot è platealmente innegabile. Infatti, proprio perché è troppo facile, si rischia di farlo passare in giudicato, come se fosse normale o addirittura ragionevole. E quindi è uno spot che finisce per ammorbare ancora di più le nostre coscienze un po’ assonnate, rese vulnerabili dalla cronaca mondana spacciata per politica o per cultura e dall’assenza di altri, più stimolanti, spacci.

Perché, diciamolo, gli ingredienti ci sono tutti e sono tutti assolutamente terribili: la mamma, innanzitutto.         (altro…)

Read Full Post »

Lo so benissimo, guarda. Lo so benissimo, già per conto mio, che è del tutto inutile che uno metta in moto delle campagne di boicottaggio da solo, senza nessuno che lo segua. Però, tant’è, la tentazione te la fanno proprio venire, e pure molto forte, quasi irresistibile; perché sono troppo stupidi, davvero; e perché ti trattano troppo da stupido, soprattutto. E perché pensano che a forza di trattare la gente da stupida, questa si trasformi in stupida. (E perché forse hanno anche un po’ ragione, a pensarlo)

Per cui, visto che non riesco a reprimere un moto di stizza e di vergogna (mi vergogno di appartenere alla stessa loro specie: homo sapiens…) quando vedo la pubblicità del tonno Consorcio alla tv (e mi è capitato solo due volte, finora), ho deciso.

E, dentro di me (ma da adesso anche fuori di me), ho promesso che non comprerò mai più quel tonno, proprio mai più, per l’eternità, lo giuro. Perché lo spot è assolutamente ributtante e spaventoso e perché quel «consorziamo?» pronunciato all’ultimo secondo con fare ammiccante ha rischiato più volte di far partire violentemente la mia scarpa contro lo schermo.      (altro…)

Read Full Post »