Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘mediaset’

sfasciare tuttoL’altra sera, mentre guardavo Annozero, pensavo che io non ci credo mica a questa cosa della libertà di informazione che in Italia non ci sarebbe. Pensavo che sui giornali italiani si parla di tutto in realtà; e che si può parlare di tutto, anche qui, sui blog e sulla rete. E che c’è anche Il fatto di Travaglio e Padellaro, adesso, se uno vuole proprio essere certo di non perdersi nulla.

E l’altra sera, sempre guardando Annozero, pensavo che la trasmissione, in realtà, non mi piaceva affatto: con la De Gregorio che diceva due sciocchezze sulla causa intentata al suo giornale; con Belpietro che la zittiva e poi le diceva che forse una prostituta è probabilmente più «brillante» di lei; con Franceschini che non era in grado di difendere l’indifendibile D’Alema; con Bocchino che si cimentava in un ricordo insensato di Marilyn Monroe; con lo stesso Santoro che lasciava cadere nel nulla l’unica osservazione degna di questo nome fatta in tutto il programma: quando la De Gregorio ha parlato di reificazione del corpo femminile.

A chi serve una trasmissione del genere? A chi già pensa certe cose? A sentirsi “diversi” e migliori? O serve invece a convincere gli altri?

No, a convincere gli altri proprio no.                     (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Oggi, su SkyTg24, in una fascia oraria di grande ascolto (ore 13.22), hanno dato la notizia per cui secondo Freedom House (organizzazione indipendente fondata da Eleanor Roosvelt nel 1941 per difendere le libertà civili dalla minaccia del totalitarismo) l’Italia è stata retrocessa, nella classifica relativa alla libertà di stampa, da paese libero a paese parzialmente libero. La notizia gira in rete da un paio di giorni: la trovate, per esempio, qui e qui; ma è anche sulle homepage di repubblica.it e corriere.it.

Il servizio è durato quasi 4 minuti ed è stato molto dettagliato. Hanno mandato in onda anche la cartina dell’organizzazione, da cui risulta chiaramente che l’Italia è colorata in giallo, come la Turchia e l’Egitto, per esempio:      (altro…)

Read Full Post »

parole tardive

Enrico Mentana su corriere.it:

È evidente che quando la tua parte politica governa, meno informazione c’è e meglio è, meno fastidi ci sono meglio è, meno voci ci sono e meglio è. Se poi si abbina questo  alla progressiva fidelizzazione di Mediaset all’avventura politica di Berlusconi, allora non c’è dubbio che l’informazione deve essere tranquilla e che l’approfondimento è meglio farlo scivolare oltre la mezzanotte.

Che va bene, è quello che penso pure io da molto tempo. Però io non ci ho lavorato fino all’altro ieri lì dentro, e non ci ho mai preso nemmeno un euro. Il che dovrà pur fare un po’ di differenza.

Read Full Post »

l’eredità

Noi investiamo oltre un miliardo di euro ogni anno in contenuti italiani e offriamo gratuitamente una tv calda, fatta con i talenti più forti: riusciamo ad aggregare i migliori conduttori, autori e produttori. E regaliamo al pubblico il grande intrattenimento, fiction di alta qualità, informazione.

Parole dette, a proposito di Mediaset, da Piersilvio Berlusconi. Che senz’altro ci crede anche: è tutta granitica autostima ereditaria.

Read Full Post »