Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sicurezza’

Io sono sempre stato dell’idea che sia necessario continuare a parlare della questione “Noemi Letizia”, per tutto quello che può stare attorno a questa vicenda e per tutto ciò che questa vicenda rivela, delle abitudini non solo private, ma assolutamente pubbliche, del leader di governo Silvio Berlusconi (e mi piace molto quanto scritto al proposito da Giuseppe Granieri qualche giorno fa, per esempio; o anche il passo quotato oggi da layos).

Poi, non credo che occuparsi del Noemigate (dicitura che qui si usa nella sola speranza che quel suffisso sassone porti bene, sia chiaro) escluda a priori che ci debba anche occupare di altro. Della ricostruzione in Abruzzo, per esempio, da cui provengono inquietanti segnali di inefficienza; del caso Mills, ci mancherebbe; della scarsa propensione al rispetto dei ruoli istituzionali che in questi mesi il capo del governo ha dimostrato;  della crisi economica che sta precipitando molta gente giù dall’orlo della povertà;       (altro…)

Read Full Post »

horror in the metropolitanaIl rischio è quello di nutrire i trolls, lo so. E cioè di dare spazio e visibilità a chi non se ne meriterebbe nemmeno un po’, lo so. Ma, per quanto abbia provato a trattenermi per tutto il fine settimana (in omaggio agli inviti di amici), c’è una considerazione che non riesco a non fare a proposito della già vecchia notizia dei vagoni della metro riservati agli extracomunitari (che poi significa a quelli di pelle scura, perché non credo che la regola varrebbe per gli americani o gli svizzeri; che poi significa per i poveri, visto che non credo che la regola potrebbe valere per Didier Drogba o Ronaldinho, che sono neri ed extracomunitari, sempre ammesso che prendano mai la metropolitana).

Dunque, sulla questione dei vagoni della metropolitana riservati ai poveracci (leggermente maleodoranti anche loro, intuisco, giacché farsi la doccia tutti i giorni quando rischi di non avere di che nutrirti non è una priorità esistenziale, immagino);        (altro…)

Read Full Post »

È stato dimostrato che l’85% della popolazione è un evasore potenziale la cui onestà dipende dal clima di controllo percepito.

No, non si sta parlando di evasione fiscale, ma di biglietti dell’autobus non pagati. E però non mi stupirei se altrettanto si potesse in realtà dire anche dell’evasione fiscale. In fondo se c’è la sicurezza percepita, non si capisce perché non possa esserci il controllo percepito. E anche l’evasione percepita, che io percepisco pesantemente a mio danno, tra l’altro.

Read Full Post »

fermatevi-un-attimo-e-pensateciIo lo so che c’entra la paura, e che con la paura si fa fatica anche a pensare, a ragionare con calma. Perché la paura ti toglie la calma, è evidente. E lo so che c’entra tutta la questione della «sicurezza percepita», che è come la «temperatura percepita»: cioè, non è mica vero che faccia così caldo, ma se tu lo senti, il caldo, non saranno certo i numeri del meteorologo (e i suoi valori entro la media stagionale) a convincerti del contrario. Che è come le malattie psicosomatiche: saranno pure psico, ma una volta che le hai, il male c’è, e non è più psico, ma tutto e soltanto somatico, e fa un male cane.

Bene, io le so queste cose, e le capisco pure, e mi immagino che mia nonna, se fosse viva, avrebbe una paura fottuta dei rumeni, dei marocchini, degli albanesi e degli africani. E che sarebbe difficile convincerla che la paura non serve, perché servono tutt’altre cose.         (altro…)

Read Full Post »