Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘stupri’

il buon rumeno

Se io fossi nei panni del non-stupratore Karol Racz (panni in cui non sono e mi va benissimo di non esserci), dopo essere stato ingiustamente detenuto per 35 giorni per un reato non commesso, da oggi a un mese frequenterei tutti i salotti di tutte le trasmissioni tv di tutti i canali italici, piangerei dappertutto, racconterei dappertutto questa storia del monachesimo, che fa tanto bravo bambino, mi farei pagare per qualsiasi straccio di intervista rilasciato a qualsiasi straccio di quotidiano o di rivista scandalistica.

Poi, accumulato il mio bel gruzzoletto, saluterei con un gesto un po’ beffardo, manderei tutti affanculo e me ne andrei subito via dall’Italia, con i denari delle tv italiane in tasca.

Annunci

Read Full Post »

Io lo so che a linkare continuamente gli articoli che Filippo Facci pubblica sul Giornale si rischia qualcosa (un crampo alla mano, forse; qualche insulto nei commenti; o l’ostracismo blogghico, se esiste). Lo so, ed è giusto così, ci mancherebbe. Però, leggete, se avete tempo, la sua ricostruzione del famigerato “stupro di capodanno”, che non fu stupro, benché fosse effettivamente capodanno. È da leggere, perché altrove non se ne trovano di così puntuali e impressionanti.

Il protagonista della vicenda, se ricordate, era un certo Davide Franceschini, intervistato poche ore prima nientemeno che da Studio Aperto, il tg dei servizi improbabili (e inqualificabili), e destinato poco dopo  il fermo agli arresti domiciliari, con scandalo urlato di gran parte dei commentatori di quaggiù. La vittima era una ragazza come molte altre, il cui padre minacciò il Franceschini come nemmeno don Vito Corleone avrebbe avuto il coraggio di  fare.

Poi, se avete avuto voglia di leggervelo fino alla fine, ditemi se non vi provoca  tristezza, malinconia, stupore, annichilimento. A me sì, parecchio. La sensazione di un precipizio dietro l’angolo.

Read Full Post »

il signor k

Il rumeno Alexandru Isztoika Loyos, 19 anni, resta in carcere. C’era entrato una ventina di giorni fa in quanto reo confesso di stupro; poi, scagionato dalla prova del dna e ritirata la confessione, c’è rimasto per qualche  altro giorno in quanto colpevole del reato di autocalunnia; ora ci resterà un altro po’ perchè colpevole di calunnia contro la polizia rumena. È prevista, tra qualche giorno, una testimonianza a suo danno di un certo signor Kafka, praghese.

Read Full Post »

difendersi a uomo

Alessandro Gilioli annota brevemente una considerazione che io sapevo di pensare appena un po’, ma che non avevo avuto il coraggio di formulare espressamente, neppure tra me e me, se non per un breve istante (e non ero nemmeno l’unico).

Read Full Post »

alcuni di loro e di noi

Oggi sono contento di aver letto due articoli sul web: il primo è questo ed è scritto da un giornalista rumeno, che si chiama Cristian Tudor Popescu, su un giornale rumeno a proposito degli stupri che i suoi connazionali rumeni hanno compiuto in questi mesi in Italia ai danni di donne e ragazze italiane (e che trovate tradotto qui, oppure in originale qui – e lo dico, perché sarei contento di avere almeno un lettore rumeno).

Non che l’articolo contenga rivelazioni sorprendenti o analisi penetranti del fenomeno. Però è una voce da lontano, esterna, e riconosce alcuni fatti che, visti dall’interno (cioè dall’Italia di questi giorni, molto scossa) possono sfuggire.       (altro…)

Read Full Post »

altrimenti altre menti

A proposito di prospettive, anche culturali, che potrebbero essere mutate, trovo qui un interessante articolo sul carcere e sui colpevoli di reati sessuali. Si tratta pur sempre di galera, che è parola di per sé orrenda, e pur sempre di esperimenti. Ma l’alternativa, teniamolo a mente, sono quelli che paonazzi in volto invocano la castrazione.

Read Full Post »

Una tragedia è sempre una tragedia; e la violenza è sempre violenza. Niente da dire. Ma appunto per questo, perché la violenza è sempre violenza, chiunque la commetta,  fa impressione vedere lo spiegamento di forze mediatiche e politiche che sta facendo seguito, in queste ore, e farà ancora più seguito, nelle prossime,  alle aggressioni a scopo sessuale avvenute nella serata di ieri a Bologna e a Roma. Protagonisti un tunisino (a Bologna) e non si sa bene chi, ma «si dice» dei rom, e comunque degli stranieri, nella capitale.    (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »